Indice

Domus de Janas: quali visitare e cosa sono

Nel cuore selvaggio della Sardegna, dove il tempo sembra aver rallentato il suo incessante ticchettio, sorgono monumenti che raccontano storie di un’epoca lontana, ma ancora vibrante nel suo silenzioso narrare. Siamo qui per guidarvi in un viaggio attraverso i secoli, in una terra dove le pietre parlano e le antiche leggende prendono vita. Benvenuti nel mondo affascinante delle Domus de Janas, le misteriose “Case delle Fate” che custodiscono i segreti di una civiltà antica e affascinante.

Siti principali da visitare

La Sardegna, terra di misteri e di antiche civiltà, ospita una serie di Domus de Janas, affascinanti testimonianze di un passato lontano. Ecco una guida ai principali siti che potete visitare per immergervi nella magia di queste antiche strutture:

Tomba di Genna Salixi

Situata nei pressi di Ittiri, la Tomba di Genna Salixi è un altro esempio splendido di Domus de Janas. Caratterizzata da una serie di camere interconnesse e da una facciata finemente decorata, questa tomba è un testamento della maestria artistica e architettonica delle antiche civiltà sarde. Le incisioni simboliche e le nicchie scavate nella roccia creano un’atmosfera di sacralità e mistero, invitando i visitatori a riflettere sul significato della vita e della morte.

Necropoli di Sant’Andrea Priu

Bonorva Necropoli di SantAndrea Priu 02
Di Gianni Careddu – CC BY-SA 4.0

Situata nel comune di Bonorva, questa necropoli è famosa per la “Tomba del capo”, una delle più ampie del Mediterraneo con i suoi 18 vani.

Complesso ipogeico di Anghelu Ruju

Alghero necropoli di Anghelu Ruju 115
Di Gianni Careddu – , CC BY-SA 4.0,

Localizzato a nord di Alghero, questo complesso è il più vasto della Sardegna pre-nuragica, composto da due gruppi di Domus de Janas, uno con 7 unità e l’altro con 31. È aperto al pubblico tutti i giorni.

Domus de Janas di Cardedu

Domus de Janas Cardedu

Le Domus de Janas di Cardedu, situate nella regione dell’Ogliastra in Sardegna, rappresentano un sito archeologico di grande importanza, offrendo una visione affascinante dell’antica civiltà prenuragica.

La necropoli, situata sul monte Arìsta nel comune di Cardedu, è composta da dieci tombe accuratamente realizzate e conservate in ottimo stato. Le tombe, scavate in blocchi di granito isolati tra loro, sono di due tipi: monocellulari e bicellulari, e presentano uno sviluppo longitudinale.

Necropoli di Monte Siseri

Nel comune di Putifigari, questa necropoli è nota per le sue affascinanti decorazioni, in particolare nella domus conosciuta come “de s’incantu”. È sempre accessibile ai visitatori.

Domus de Janas di Sedini

Domus de Janas Sa Rocca Sedini Sassari

Conosciuta anche come “La Rocca”, questa domus si trova nel centro storico del paese di Sedini, distinguendosi per le sue particolarità uniche.

Necropoli di Mesu ‘e Montes

Ossi Necropoli di Mesu e Montes 06
Di Gianni Careddu – CC BY-SA 3.0

Situata nel comune di Ossi, offre una vista mozzafiato sulla valle sottostante e riproduce con estrema efficacia le particolarità delle abitazioni pre-nuragiche.

Necropoli di Su Crucifissu Mannu

Ubicata nella regione della Nurra, questa necropoli comprende almeno 22 domus de janas con più vani comunicanti, offrendo un viaggio affascinante nel tempo.

Domus dell’Elefante (Sa Pedra Pertunta),

Situata a Castelsardo, è famosa per la sua forma che ricorda un elefante seduto, offrendo una visita unica e memorabile.

Necropoli di Puttu Codinu

Ubicata a Villanova di Monteleone, questa necropoli ospita 9 tombe ipogeiche, scoperte di recente, e offre una visione affascinante del passato.

Necropoli di Montessu

Situata nel comune di Villaperuccio, questa necropoli è una delle più vaste della Sardegna, con circa 40 domus de janas. È consigliabile partecipare a una visita guidata per apprezzarne appieno la storia.

Necropoli di Filigosa

Ubicata a Macomer, è conosciuta per aver dato il nome a una importante cultura dell’eneolitico sardo. Le quattro domus presenti sono caratterizzate da lunghi dromos d’accesso.

Domus de Janas S’acqua ‘e is dolus

Situata nelle campagne di Settimo San Pietro, questa domus è legata a una leggenda popolare che attribuisce proprietà curative all’acqua che si infiltra all’interno della tomba.

Origini e Storia

Antiche Civiltà della Sardegna

Prima che i nuraghi delineassero il paesaggio sardo, l’isola era già un focolaio di attività umane, un luogo dove diverse culture florevano e lasciavano il loro segno indelebile sulla terra. Le antiche civiltà della Sardegna, risalenti al periodo Neolitico, hanno creato una cultura ricca e variegata, dove arte, religione e natura si intrecciavano in una danza intricata e armoniosa.

Questi primi abitanti, maestri nell’arte della scultura e della ceramica, hanno dato vita a una cultura unica e distintiva, creando monumenti che ancora oggi testimoniano la loro profonda connessione con la terra e il loro spirito innovativo.

Evoluzione delle Domus de Janas nel Tempo

Le Domus de Janas, queste misteriose “Case delle Fate”, sono un prodotto diretto di questa antica sapienza, un esempio tangibile di come l’uomo, attraverso i secoli, abbia saputo adattarsi e trasformare il suo ambiente per creare strutture che non solo servivano come luoghi di sepoltura, ma come veri e propri centri di vita comunitaria.

Con il passare dei secoli, queste straordinarie strutture hanno subito una serie di trasformazioni, adattandosi alle mutevoli esigenze e credenze delle popolazioni che le utilizzavano. Da semplici tombe, si sono trasformate in luoghi di culto, rifugi e persino prigioni, mantenendo sempre una sacralità intrinseca e un legame profondo con il mondo spirituale.

Scoperte Archeologiche Recenti

Nel corso degli ultimi decenni, la Sardegna è diventata un vero e proprio laboratorio a cielo aperto per archeologi e studiosi, desiderosi di svelare i segreti di queste antiche dimore. Le recenti scoperte archeologiche hanno gettato una nuova luce sulle Domus de Janas, rivelando dettagli sorprendenti sulla loro costruzione e sulle tecniche utilizzate dai maestri artigiani dell’epoca.

Queste ricerche hanno permesso di scoprire nuovi siti e di approfondire la comprensione delle pratiche funerarie e rituali delle antiche civiltà sarde, offrendo una visione sempre più completa e affascinante di un mondo che, seppur lontano nel tempo, continua a esercitare un fascino ineguagliabile e a ispirare rispetto e ammirazione.

Architettura e Struttura

Caratteristiche Architettoniche

Le Domus de Janas sono un capolavoro di ingegneria antica, un esempio sublime di come l’uomo possa lavorare in armonia con la natura, utilizzando le sue mani per scolpire abitazioni che non solo servivano come ultimi riposi, ma come veri e propri monumenti alla vita e alla morte. Queste strutture, scavate direttamente nella roccia, presentano una serie di camere interconnesse, ognuna con una funzione specifica, delineando così una sorta di “casa” che rifletteva la struttura delle abitazioni dell’epoca.

La precisione geometrica e l’attenzione ai dettagli sono evidenti in ogni angolo di queste dimore, con ingressi accuratamente modellati e interni che mostrano una profonda comprensione delle tecniche di costruzione avanzate. Questa maestria architettonica non solo evidenzia l’abilità degli antichi scalpellini, ma sottolinea anche la sacralità e l’importanza di questi luoghi nella società pre-nuragica.

Tipologie di Domus de Janas

Esplorando le diverse regioni della Sardegna, ci si imbatte in una varietà di Domus de Janas, ognuna con le sue peculiarità uniche. Mentre alcune sono semplici e composte da una sola cella, altre si sviluppano in complessi labirintici di stanze concentriche, offrendo una visione affascinante della diversità culturale e spirituale dell’epoca.

Alcune delle tipologie più note includono:

  • Tombe a camera singola: semplici e austere, offrono un luogo di riposo tranquillo e solenne.
  • Tombe a più camere: strutture più complesse, con diverse stanze dedicate a vari rituali e funzioni.
  • Tombe con decorazioni: queste tombe spesso presentano incisioni e bassorilievi, aggiungendo un livello di arte e bellezza a questi già affascinanti monumenti.

Decorazioni e Simbolismi

Entrando in una Domus de Janas, è impossibile non rimanere affascinati dalle intricate decorazioni che adornano pareti e soffitti. Queste opere d’arte, create con una maestria che sfida il tempo, raccontano storie di deità, di natura e di vita quotidiana, offrendo una visione profonda delle credenze e delle tradizioni dell’epoca.

I simboli più comuni includono rappresentazioni di divinità femminili, simboli solari e motivi geometrici, ognuno con un significato profondo e una funzione specifica. Queste decorazioni non erano solo esteticamente piacevoli, ma servivano come strumenti per guidare i defunti nel loro viaggio nell’aldilà, fungendo da ponte tra il mondo dei vivi e quello degli spiriti.

Attraverso queste incisioni, possiamo avvicinarci alle antiche civiltà della Sardegna, comprenderne le credenze e immergerci in un mondo dove l’arte e la religione si fondono in un’armonia perfetta, creando un’atmosfera di sacralità e mistero che continua a incantare i visitatori fino ad oggi.

Leggende e Tradizioni

Le Janas: tra Mito e Realtà

Nel tessuto intricato di storie che avvolge le Domus de Janas, le figure delle Janas occupano un posto di rilievo. Queste creature mitiche, descritte spesso come donne di piccola statura ma di grande bellezza e saggezza, sono le presunte abitatrici di queste antiche dimore. Oscillando tra il mondo reale e quello soprannaturale, le Janas sono considerate custodi di antichi segreti e tesori nascosti.

La loro presenza nelle leggende sarda crea un legame profondo tra il mito e la realtà, offrendo una visione del mondo dove il sacro e il quotidiano si intrecciano in una danza senza tempo. Le storie che le vedono protagoniste spesso raccontano di incontri magici e di doni preziosi concessi a coloro che sono degni della loro benevolenza.

Storie e Racconti Popolari

Le narrazioni popolari che circondano le Domus de Janas sono un ricco tesoro di storie che hanno il potere di trasportare gli ascoltatori in un mondo di magia e mistero. Questi racconti, tramandati di generazione in generazione, parlano di fate e streghe, di incantesimi e maledizioni, creando un universo narrativo ricco di simbolismi e significati profondi.

Attraverso queste storie, i visitatori possono immergersi in un mondo dove il confine tra il reale e l’immaginario diventa sempre più sottile, offrendo una prospettiva unica sulle credenze e le tradizioni di un popolo che ha saputo mantenere vive le sue leggende attraverso i secoli.

Il Legame tra le Leggende e la Cultura Sarda

Le leggende che avvolgono le Domus de Janas non sono solo racconti fantastici, ma rappresentano una parte vitale della cultura sarda. Queste storie, infatti, riflettono le paure, le speranze e i valori di una comunità che ha sempre vissuto in stretto contatto con la natura e con le forze invisibili che governano il mondo.

Il legame profondo tra le leggende e la cultura sarda si manifesta in molteplici modi, dalla musica alla danza, dalla poesia all’arte, creando un mosaico culturale che celebra la ricchezza e la diversità di questa terra incantata. Attraverso la riscoperta di queste tradizioni, possiamo avvicinarci al cuore pulsante della Sardegna, un luogo dove il passato e il presente si incontrano, dando vita a un futuro dove le antiche leggende continuano a vivere, ispirando nuove generazioni a sognare e a creare.

pinit fg en rect red 28

Condividi questa pagina di Sardiniabella.com su: